Stampa

psicologobari

Essere psicologo è un’esperienza davvero particolare e spesso curiosa.

Da quando esercito la mia professione nel mio studio qui a Bari, tra le mail che ricevo quotidianamente mi capitano persone che mi raccontano esperienze personali per avere suggerimenti rispetto a cosa le abbia causate e come poter rimediare.

Bello per me ricevere richieste di diverso genere, specie quando si tratta di dinamiche relazionali o situazioni “tragicomiche”.

 

Un esempio?

Siete mai stati in vacanza in gruppo, desiderosi da tanto tempo di andarci, prenotazione finalmente effettuata e poi … vacanza disastrosa???!!! Ebbene si, sarà capitato a molti di noi, me compresa.

  

La causa più comune di tutto ciò? Si chiamano METAPROGRAMMI: uno degli assunti principali della Programmazione Neuro Linguistica prevede che sin dal concepimento, nella nostra mente inconscia, siano “caricati dei programmi”, cioè dei criteri con cui filtriamo il mondo. Li apprendiamo sin da bambini per osservazione, dai nostri genitori, o dalle persone con cui siamo cresciuti e li riproduciamo, quotidianamente, per effettuare scelte, prendere decisioni, ecc.

 

Facciamo un esempio concreto.

Se i nostri genitori sono state persone precise, puntuali, ben organizzate rispetto a tempi e modalità, è molto probabile che svilupperemo lo stesso modo di fare nelle nostre cose quotidiane. Questo metaprogramma (programma mentale) si chiama di PROCEDURE. Pensiamo agli studenti di questo tipo: sono coloro che quando preparano un esame si organizzano molto tempo prima, magari elaborano anche un calendario da seguire (oggi cap. 1 e 2, domani cap. 3 e 4, ecc.) … oppure, i lavoratori che hanno questo metaprogramma, sono quelli che a fine giornata scrivono sull’agenda le attività da svolgere il giorno seguente, si danno delle priorità e spesso spuntano quelle svolte man mano che sono terminate.

 

Bene, a coloro che appartengono alla tipologia opposta, cioè al metaprogramma OPZIONI le modalità procedurali fanno rabbrividire! Si si, perché loro si comportano esattamente in maniera opposta: tendono ad essere ritardatari agli appuntamenti, preparano gli esami qualche giorno prima dell’appello (a volte studiando full immersion anche di notte), non aprono affatto l’agenda, se non per appuntare qualcosa ogni tanto qua e là, ma difficilmente l’apriranno durante la giornata.

 

Ma ritorniamo all’esempio delle vacanze. Un altro tipo di filtri/criteri, sono quelli di SELEZIONE PRIMARIA, ovvero quelli che, come dice il termine, stabiliscono le priorità nel momento in cui dobbiamo fare delle scelte.

Solitamente scegliamo la nostra destinazione in base alle persone (se siamo motivati dal fatto di stabilire relazioni o vivere al massimo la compagnia con cui andiamo in vacanza), alle cose/oggetti (es. gli optional che possiamo trovare all’interno della stanza d’albergo o nel luogo di destinazione), ai luoghi (“vorrei stare sotto una palma in una meravigliosa spiaggia bianca e tuffarmi in un mare cristallino”), alle informazioni (che possiamo ottenere visitando musei, pinacoteche, mostre), alle attività (ad es. quelle previste da una crociera o da un villaggio vacanze), al tempo (di cui alcuni di noi vorrebbero potersi dimenticare in vacanza, mentre altri preferirebbero scansionarlo e programmarlo nel dettaglio, specialmente se associato alle procedure).

 

Bene, immaginate un gruppo formato ad hoc per l’occasione ma fatto di persone con priorità diverse: qualcuno preferirà visitare il luogo, qualcun altro vorrà andare per locali o in disco la sera e dormire di mattina, altri vorranno viversi le attività organizzate sul posto, magari dalla prima mattina (pensiamo ai villaggi vacanze). E se nel gruppo non siamo molto flessibili e disposti a dividerci in base a ciò che ci piace … disastri e litigi!

 

Certo, NESSUN METAPROGRAMMA È MEGLIO DI UN ALTRO, sono facce della stessa medaglia e anche la stessa persona, in situazioni diverse e in diverse fasi della vita, non segue sempre lo stesso, ma tende ad attivarne alcuni piuttosto che altri.

 

I metaprogrammi, inoltre, se integrati, servono tutti per raggiungere gli obiettivi in maniera ottimale. In azienda, ad esempio, è davvero funzionale avere persone con metaprogrammi diversi, perché permettono di analizzare una stessa situazione da diversi punti di vista (pensiamo ad esempio al lancio sul mercato di un nuovo prodotto, ogni persona/metaprogramma ne evidenzierà vantaggi e svantaggi). 

 

Ora, importante da sapere è che non ci comportiamo sempre nello stesso modo, possiamo attivare il criterio procedure, ad esempio, solo in alcune situazioni e il criterio opzioni in altre. L’importante è riconoscerli, in modo da poter quasi “prevedere” il comportamento di una persona in una determinata situazione. Proprio per questo i metaprogrammi sono criteri fondamentali per effettuare una buona selezione del personale, perché conoscendo i criteri che il candidato utilizza in determinate situazioni, ci permettono di sapere cosa aspettarci da quel candidato nello svolgimento di quella mansione specifica o in un ruolo determinato.

 

I metaprogrammi sono tanti, in questa sede mi limito agli esempi sopra riportati per rendere l’idea di come funzioniamo e di come spesso, molto spesso, i criteri che orientano le nostre scelte siano gli stessi che creano difficoltà nelle relazioni quotidiane, nella coppia, in famiglia, sul lavoro. La soluzione? Negoziare. Ma questo lo vedremo in un prossimo articolo.

 

Tag: psicologo bari, psicologi bari, processi di pensiero, mente, inconscio, selezione del personale